Review on FPmag

https://www.fpmagazine.eu/ita/news/A_space_for_Photography-1351/?fbclid=IwAR3Vo7TtLUcn-qSJ4fn-o16ebaH7nXNf-Qkljs1jNUffEL331KObmk50En4

È una location in perfetto stile arlatano quella che ospita A space for Photography: un cortile nel cuore di Arles con tre spazi distinti ma comunicanti. Sullo stesso cortile si aprono le porte delle case in cui alcuni dei fotografi abitano durante l’esperienza dei Voies Off. L’improvvisato salotto open air, è sempre aperto ai visitatori per poter scambiare due chiacchiere con gli autori delle mostre. La comunicazione della mostra è stata affidata a una serie di coloratissimi manifesti impossibili che sarebbe stato impossibile non vedere, appiccicati com’erano ovunque, anche per terra, sull’asfalto. Meg Hewitt, l’australiana del gruppo, ci ha confessato di aver rischiato una multa per affissione selvaggia, cosa davvero atipica nella permissiva Arlesdel festival. Ma al di là dell’atmosfera, A space for Photography si è dimostrato un contenitore di immagini forti e interessanti.

Un momento della visita presso A space for Photography. © Salvo Veneziano/FPmag.

Jacob Aue Sobol – With and Without You
Il lavoro di Jacob Aue Sobol è un tributo a suo padre, morto quando lui era appena ventenne. Una compilation di tutti i suoi progetti che lui non ha mai potuto vedere, tra i quali l’inedito Home e poi Road Of Bones, America.

Natnada Marchal – Kolyma
Natnada Marchal presenta una serie unica di Polaroid realizzata durante un viaggio di 2031 chilometri sulla Kolyma Highway in Siberia. Villaggi deserti, intimi ritratti e la bellezza della natura strana e selvaggia.

Un momento della visita presso A space for Photography. © Salvo Veneziano/FPmag.

Meg Hewitt – Tokyo Is Yours
Il lavoro di Meg Hewitt è l’apice di un interessantissimo percorso ispirato dai manga, dal surrealismo e dai film noir giapponesi del dopo terremoto del 2011, in cui vengono fuori le sue forti relazioni viscerali instaurate con la gente, i posti, gli animali e le cose.

Sarah Michelle Riisager – Frozen
Frozen appare come una rappresentazione del mondo relazionale dell’autrice. Il progetto è sviluppato durante un viaggio in Yacutia, ma indipendentemente dalle coordinate geografiche, la sua forza sta nella gelida sensazione che le immagini procurano. [ Salvo Veneziano ]

Un momento della visita presso A space for Photography. © Salvo Veneziano/FPmag.

A SPACE FOR PHOTOGRAPHY
Mostre di Jacob Aue SobolNatnada MarchalMeg Hewitt e Sarah Michelle Riisager
15, 17, 19, 21 rue des Arénes – Arles (Francia) 
3 – 9 luglio 2017 
orario: tutti i giorni, ore 11,00 – 19,00 
ingresso: libero

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *